Conversion Italian Style (english & italian)

Jewish Conversion Program Combines Technology and Tradition to Bring B’nei Anusim Back Home 

“I researched my family name and found out that its origin is Sephardic. This was one more confirmation that a Jewish soul was present in my family, confirming that my interest in Judaism is a true feeling to get back to my origins.” M. C. 2019 convert to Judaism

On July 16 and 17, 2019, M. C. traveled to Calabria to join 13 candidates to complete the year long process to become Jewish. M. C. was one of several students awarded a Status Recognition Certificate to formally connect with their lost Jewish roots.  

B’nei Anusim is a Hebrew phrase that means “Children [of the] forced ones,” and refers to the descendants of Jews who were forced into Christian conversion 500 years ago during Inquisition times. Historians believe that there are approximately 250,000   “b’nei anusim” throughout the world, many of whom are longing to recover their Jewish traditions that were so cruelly stolen from them during the years of Jewish persecution five centuries ago. 

In fact, here in Calabria, in the deep south of Italy, historians and archivists feel confident in their estimate that nearly 50 percent of the population of Calabria and Sicily has lost Jewish ancestry. Matteo C. is only one of hundreds of southern Italians who now have an opportunity become Jewish in a way that combines on line study, meetings with a mentoring rabbi (on Skype internet video telephone) and a face to face, in person, conversion experience that includes the traditional examination before a Bet Din and mikveh (ritual immersion) in the Mediterranean Sea. 

Online Study

Mario lives in a tiny village in northern Italy. Caterina lives on Lipari, in the Aeolian Islands. Carlo lives and works in a small German village, several hundred kilometers from a synagogue or Jewish community of any kind.  Despite their geographical challenges Mario, Caterina and Carlo were determined to find a way to return to their Jewish roots. Thanks to the online, affordable Jewish Studies program pioneered by Darshan Yeshiva, all three students are able commit to one year of weekly lessons, monthly meetings with me, their mentoring rabbi and participation in live online Shabbat services held in synagogues worldwide. 

Learning modules include material on Jewish history, from ancient biblical times through the present day, Jewish holiday and life cycle events, studies on Jewish prayers and blessings and basic Hebrew – all designed for students to proceed at their own pace.  Through written responses, quizzes and tests, a mentoring rabbi assesses student progress – all of which form the basis for discussion during individual meetings between rabbi and student. 

A Personal Relationship with a Rabbi Mentor

Each month for at least one hour, sometimes more, I serve as the rabbinical guide to my Darshan Yeshiva online students. We meet online via Skype and our video classes include practice in learning to live a Jewish life. We welcome Shabbat together by practicing the appropriate blessings and we conclude Shabbat by actually making Havdalah together, again, via Skype.  

My students study learning modules that correspond to the upcoming Jewish holidays so that when the holiday arrives they are able to understand its meaning and share the ritual with family and friends.  Together we produce E-Books Click Here To View An Example that feature the specifics of how students have observed each major and minor Jewish holiday.
Face to Face, In-Person Conversion

Following a year’s study students join me in Calabria for their formal conversion to Judaism. Male candidates gather under the tallit to make the appropriate brit milah/hatafat dam brit blessings after which each candidate sits for an examination before a Bet Din of three rabbis, or two rabbis and one learned Jew.  They arrive prepared to answer any of 40 questions posed by the Bet Din and are given ample time to formulate and express their answers. Spouses, partners and significant others are invited to join the discussion and where a partner is not Jewish or not making conversion, the Bet Din rabbis emphasize ways to maintain “Shalom Beit” or “peace in the (interfaith) home.” 

The Mediterranean Mikveh

It is seven o’clock on a brilliant sunny morning as 14 students, their spouses, parents and friends board the bus that will take them to the Mediterranean Sea where candidates will immerse in the natural flowing waters to begin their lives as Jewish men and women. Prior to entering our Mediterranean Mikveh, Bet Din judge, Rabbi Guy Hall of London shared words from Prophet Ezekiel: “With pure waters I will purify you … a new heart I will give you and a new spirit will I place within you.” 

Candidates then recited the appropriate blessings, concluding with the Sh’ma and as they emerge from the sea each candidate is called by her or his chosen Hebrew name. Following the ritual immersion, candidates, rabbis and guests make Kiddush on the beach.

Presentation of Certificates and Mazel Tov All Around

Our two day conversion experience concluded with the presentation of formal conversion certificates along with StatusRecognition certificates for those who embraced their lost Jewish roots. Each student also receives a membership certificate to our Calabria synagogue, Ner Tamid del Sud (“the Eternal Light of the South”) – a recognized affiliate of the Reconstructionist Jewish movement. 

 During our two days together students had the opportunity to visit our Bet Din Library and select a book to begin their personal Jewish collection. In addition, donated ritual items from our sister congregation in New York City, The Society of Jewish Science included Kiddush cups, tallitot and mezuzot filled our students’ “Goody Bags,” while other activities included a workshop on wrapping tfillin, learning how to write one’s own Hebrew name, a concert featuring Jewish music and round table discussions on the joys and challenges of a convert’s first year as a Jew.  Thanks to a generous contribution from Kulanu, the international organization that supports isolated and emerging Jewish communities, we were able to assist students with their transportation and hotel expenses. What are students’ impressions of the conversion experience that creatively combines technology with tradition? Student and now “new Jew” A.L. shares her thoughts:

I cannot begin find the words to tell you how happy and thankful I feel for everything you and your team have done for all of us!
The (,mikveh at the) beach, the Synagogue, the concert, the Beit Din, the little town in Italy where it all took place … So many precious moments. for all of us.” A.L. Jew-by-Choice

Rabbi Barbara Aiello is Italy’s first female rabbi. She has served communities In Italy, Greece and the US and now works with conversion students through Darshan Yeshiva. She is the founder and spiritual leader  of Calabria’s first active synagogue in 500 years since Inquisition times, “Ner Tamid del Sud.” Contact her at Rabbi@RabbiBarbara.com


Il programma di conversione ebrea unisce tecnologia e tradizione per riportare Bring B’nei Anusim a casa.
“Ho fatto ricerche sul mio cognome e ho scoperto che la sua origine è sefardita. Questa è stata un’ulteriore prova che un’anima ebrea era presente nella mia famiglia, dandomi così conferma che il mio interesse per l’ebraismo è un sincero desiderio di ritornare alle mie origini.”

Il 16 e 17 luglio 2019, M. C. si è recato in Calabria per unirsi a 13 candidati al fine di completare il processo durato un anno per diventare ebreo. M. C. è stato uno degli studenti a cui è stato assegnato un certificato di riconoscimento di stato in modo da poter essere formalmente collegati alle radici ebraiche perdute. B’nei Anusim è una frase ebraica che significa “figli degli obbligati” e si riferisce ai discendenti degli ebrei che sono stati costretti alla conversione cristiana 500 anni fa, ai tempi dell’Inquisizione.

Gli storici ritengono che ci siano circa 250.000 “b’nei anusim” nel mondo, molti dei quali desiderano recuperare le loro tradizioni ebraiche che sono state crudelmente sottratte negli anni della persecuzione ebraica cinque secoli fa. Infatti, qui, nel profondo sud d’Italia, storici e archivisti stimano che quasi il 50 per cento della popolazione di Calabria e Sicilia abbia perso l’ascendenza ebraica. Matteo C. è solo uno delle centinaia degli italiani del sud che ora hanno l’opportunità di diventare ebrei tramite lo studio online e gli incontri con un mentore rabbino (su Skype, video telefono o di persona). L’esperienza di conversione comprende il tradizionale esame prima di Bet Din e Mikveh, ovvero l’immersione rituale nel Mar Mediterraneo.

STUDI ONLINE

Mario vive in un piccolo villaggio nel nord Italia. Caterina vive a Lipari, alle

Isole Eolie. Carlo vive e lavora in un piccolo villaggio tedesco, a diverse centinaia di chilometri da una sinagoga o comunità ebraica di
qualsiasi tipo. Nonostante la lontananza Mario, Caterina e Carlo erano determinati a trovare un modo per tornare alle loro radici ebraiche. Grazie al programma di studi ebraici, online e convenienti, guidati da Darshan Yeshiva, tutti e tre gli studenti sono liberi di frequentare un anno di lezioni settimanali, di avere incontri mensili con me, con il loro rabbino mentore e di partecipare ai servizi Shabbat, live online, nelle sinagoghe di tutto il mondo.

I moduli didattici includono materiale relativo alla storia ebraica, dagli antichi tempi biblici fino ad oggi, feste ebraiche, eventi riguardanti il ciclo della vita, studi sulle preghiere e benedizioni ebraiche e inoltre lingua ebraica basica. Tutto è progettato in modo tale da permettere a ciascun studente di procedere con il proprio ritmo. Attraverso risposte scritte, quiz e test, un rabbino mentore valuta il percorso dello studente, e questo costituisce la base per i colloqui durante gli incontri tra rabbino e studente.

LA RELAZIONE PERSONALE TRA RABBINO E STUDENTE

Ogni mese per almeno un’ora, a volte di più, mi metto a disposizione come
‘rabbino guida’ per i miei studenti online. Ci incontriamo via Skype e le nostre lezioni video includono la pratica per imparare a vivere una vita ebraica. Diamo il benvenuto allo Shabbat insieme recitando le preghiere appropriate e concludiamo lo Shabbat facendo l’Havdalah insieme, sempre via Skype. I miei studenti studiano i moduli di apprendimento che corrispondono alle prossime festività ebraiche in modo che siano in grado di comprenderne il significato e condividerne il rituale con la famiglia e gli amici. Insieme creiamo anche e-books (un esempio: https://drive.google.com/drive/search?qĢtype:pdf) che raccontano come gli studenti hanno vissuto ogni grande e piccola festività ebraica.

Dopo un anno di studi, gli studenti mi raggiungono in Calabria per formalizzare la loro conversione. I candidati maschi si riuniscono sotto il tallit per fare le benedizioni brit Milah/ hatafat dam brig dopo le quali ogni candidato si siede per un esame prima di un Bet Din di tre rabbini, o due rabbini e uno studente ebreo. Arrivano preparati a rispondere a ognuna delle 40 domande poste da Bet Din e ad ognuno è garantito un ampio tempo per formulare ed argomentare le risposte. Coniugi, partner e altre persone a loro care sono invitati a partecipare alla discussione e quando un partner non è ebreo o non partecipa alla conversione, i rabbini Bet Din enfatizzano i modi per mantenere “Shalom Beit” ovvero “la pace nella casa interreligiosa.”

IL MIKVEH MEDITERRANEO

Sono le sette di una mattina con un sole brillante, quando 14 studenti con i loro coniugi, genitori e amici salgono a bordo del bus che li porterà al mar
Mediterraneo dove i candidati si immergeranno nell’acqua per iniziare la loro vita come uomini e donne ebrei. Prima di entrare nel nostro mikveh Mediterraneo, il giudice del Bet Din, il Rabbino Guy Hall di Londra ha condiviso le parole del profeta Ezechiele: “Con acque pure ti purificherò … ti darò un cuore nuovo e porrò un nuovo spirito dentro di te.”
I candidati recitano poi le preghiere appropriate, concludendo con il
Sh’ma e quando emergono dal mare, ogni candidato viene chiamato con il nome ebraico scelto. Dopo il rituale dell’immersione, candidati, rabbini e ospiti fanno kiddush sulla spiaggia.
La nostra esperienza di conversione durata due giorni si conclude con la presentazione dei certificati di conversione e dei certificati di riconoscimento dello status per coloro che hanno ritrovato le radici ebraiche perdute. Ogni studente riceve anche un certificato di adesione alla nostra sinagoga Calabra, Ner Tamid del Sud (“la Luce Eterna del Sud”) diventando un affiliato riconosciuto del movimento ebraico ricostruizionista.
Durante i due giorni insieme gli studenti hanno avuto l’opportunità di visitare la nostra Bet Din Biblioteca e selezionare un libro per iniziare la loro collezione ebraica personale. Altre attività comprendevano un workshop sul confezionamento TFillin, la scrittura del proprio nome in ebraico, un concerto con musica ebraica e discussioni a tavola riguardo le gioie e le sfide del primo anno di conversione. Grazie ad un generoso contributo di Kulanu, l’organizzazione internazionale che sostiene piccole e grandi comunità ebraiche, le spese studentesche sono state sostenibili.
Quali sono state le impressioni degli allievi sull’esperienza di conversione che creativamente unisce la tecnologia e tradizione? Una studente e ora “nuova ebrea”, A.L., condivide i suoi pensieri:
“Non riesco a trovare le parole per dirti quanto io sia felice e grata per tutto quello che voi e il vostro team avete fatto per tutti noi! Il mikveh in spiaggia, la Sinagoga, il concerto, il Beit Din, la piccola città in Italia dove tutto ha avuto luogo … Tanti momenti preziosi, per tutti noi”. A.L. Ebrea per scelta.

Rabbi Barbara Aiello è la prima rabbina donna d’Italia. Ha servito comunità in Italia, Grecia e Stati Uniti e ora lavora con gli studenti di conversione attraverso Darshan Yeshiva: è la fondatrice e leader spirituale della prima sinagoga attiva in Calabria a 500 anni dai tempi dell’Inquisizione: Ner Tamid del Sud.”

Comments are closed.