Tu B’Shevat Haggadah/Guide IN ITALIANO

by | Jan 10, 2022 | Tu B'Shevat

LE COSE DA FARE PER TU B’SHEVAT
L’INFORMAZIONI E LA SEDER E ATTIVITA`

COMINCIA IL SEDER: SPIEGAZIONE
Noi ebrei diciamo “Shanah Tovah,”  “Auguri per il Nuovo Anno!”  quattro volte durante l’anno. Certamente la Mishnah dice che abbiamo quattro Rosh HaShanah da festeggiare:

  1. il giorno primo di Nissan – Rosh HaShanah per i rei (kings) quando ogni “Leader” deve pensare profondamente come e’ il mio rapporto con le mie gente?
  2. il giorno primo di Elul – Rosh HaShanah per “le tasse”  (taxes) quando ogni persone considera quanti soldi deve dare per aiutare i poveri nel mondo
  3. il giorno primo di Tishri – Rosh HaShanah per il mondo – Il compleanno del mondo quando pensiamo ai nostri rapporti con la nostra famiglia e tutti gli altri
  4. il giorno 15 di Shevat – Il Compleanno degli alberi quando pensiamo ai nostri rapporti con la nostra terra … “the planet earth.”

LA SPIEGAZIONE (continua)

Tu B’Shevat: Capodanno Degli Alberi

Il 15 di Shevat (15 – 16 gennaio 2022) si festeggia Tu Bishvat: il capodanno degli alberi.

Spiegazione 1: Ricordiamo che Hillel e i suoi discepoli dichiaravano Chamishá Assar Bi-Shevat un giorno semi-festivo e lo chiamano Rosh Hashaná La-Ilanot (Capodanno degli Álberi), perché in Israele era in questo giorno che terminavano le piogge annuali e quindi iniziava un nuovo ciclo di crescita degli alberi.

Spiegazione 2: Anticamente, la “decima” dei frutti colti durante l’anno doveva essere portata come offerta al Tempio. Per effetto del suo calcolo, il 15° giorno del mese di Shevat veniva stabilito come inizio dell’anno fiscale. È da questo che deriva l’usanza della commemorazione del Tu (15) B’shevat come “Il Capodanno degli alberi”

I significati simbolici di Tu B’Shshvat:

Ricordando il Tu B’Shevat vengono richiamate e sottolineate alcune idee molto importanti nella coscienza ebraica. Il rispetto dell mondo naturale.  La natura che ci circonda viene vista comeun’opera buona e utile, da rispettare, da coltivare, da mantenere e non distruggere; viene esaltata l’opera del Creatore, nei cui confronti viene espressa la gratitudine per doni molteplici e diversi che ci elargisce.

Il rapporto speciale con la Terra d’Israele e della sua capitale Gerusalemme: Il legame del nostro popolo con la sua terra non è mai venuto meno, e per noi ha un significato sacro, anche dopo millenni di distacco traumatico, ricordare quando piove e quando finisce di piovere in quella terra, quando gli alberi fioriscono e quale frutta producono. Si rivendica il diritto a quella terra anche mantenendo un rapporto special con il suo ciclo agricolo e i suoi prodotti. Ed è una rivendicazione acifica e costruttiva, portatrice di bene ed esemplare per tutto il mondo. La tradizione ci insegna che quellaterra può fiorire solo nelle nostre mani, e di questo siamo testimoni nella nostra epoca.

La solidarietà sociale: il ricordo delle antiche forme di tassazione non è quello delle asprezze fiscali, ma quello di un sistema in cui devono esistere compensi e ridistribuzione della ricchezza.

LA SEDER DI TU B’SHEVAT

COMINCIA CON IL CIBO SIMBOLOCO SUL TAVOLO:
VINO (bianco/rosa/rossa
FRUTTA: 3 GRUPI:
Arancia/coco/annanas
Olive/albicoca/cilege/dateri
Figi/more/frutta del bosco
Portacandele e candele

ACCENDA LE CANDELE:
Barukh atah Adonai Eloheinu melekh ha’olam, asher qiddeshanu b’mitzvotav v’tzivanu lehadliq ner shel Yom Tov
Traduzione: “Benedetto sii Tu, o SIGNORE, nostro Dio, Re dell’universo, Tu che ci hai santificato coi Tuoi comandamenti e ci hai comandato di accendere le luci della festa.
ALZA LA BICCHIERE/vino bianco simbolo del inverno

LA BENEDIZIONE:
TrasliterazioneBarukh atah Adonai Eloheinu Melekh ha’olam, bo’re p’ri ha’gafen.
Traduzione: “Benedetto sii Tu, o SIGNORE, nostro Dio, Re dell’universo, Tu che crei il frutto della vigna.”
PRIMA DI MANGIARE LA FRUTTA :Discorso: Questo gruppo vuol dire che la buccia forte sulla frutta non puo mangiare – e dura – ma dentro la frutta e’ delicate – come il nostro mondo…. La terra sembra dura ma dobbiamo fare proteggione alla terra. Come facciamo questa durante la nostra vita.

DOPO DISCUSSIONE
ALZA IL PIATTO DELLE FRUTTE DAL GRUPPO #1 E DICA LA BENEDIZIONE:
in ebraico: ברוך אתה ה’ א‑לוהינו מלך העולם, בורא פרי העץ.‏ ‎
TraslitterazioneBarukh atah Adonai Eloheinu Melekh ha’olam, bo’re p’ri ha’etz.
Traduzione: “Benedetto sii Tu, o SIGNORE, nostro Dio, Re dell’universo, Tu che crei la frutta degli alberi.”

MANGIA LA FRUTTA

 VINO: il bicchere con vino bianco con il cucchiaio del vino rosso da fare “vino rose” – il simbolo della prima vera:

LA BENEDIZIONE:

 Trasliterazione: Barukh atah Adonai Eloheinu Melekh ha’olam, bo’re p’ri ha’gafen.

Traduzione: “Benedetto sii Tu, o SIGNORE, nostro Dio, Re dell’universo, Tu che crei il frutto della vigna.”

Beve vino

DISCORSO PRIMA DI MANGIARE LA FRUTTA DI GRUPPO 2:

Questa frutta e’ morbida fuori ma dura dentro come olive, albicocco, etc. e sono simboli importanti… dentro vuol dire “dura” il cuore forte ma fuori morbida… come noi. Dobbiamo avere il carratere forte da fare qualcosa contra ingiustizia ma dobbiamo fare con compassione e l’amore.

ALZA IL PIATTO DELLE FRUTTE DAL GRUPPO #2 E DICA LA BENEDIZIONE:

Traslitterazione: Barukh atah Adonai Eloheinu Melekh ha’olam, bo’re p’ri ha’etz.

Traduzione: “Benedetto sii Tu, o SIGNORE, nostro Dio, Re dell’universo, Tu che crei la frutta degli alberi.”

ALZA LA BICCHIERE/vino rosso simbolo del’estate

LA BENEDIZIONE:

Traslitterazione: Barukh atah Adonai Eloheinu Melekh ha’olam, bo’re p’ri ha’gafen.

Traduzione: “Benedetto sii Tu, o SIGNORE, nostro Dio, Re dell’universo, Tu che crei il frutto della vigna.”

BEVE VINO

IL DISCORSO PER GRUPPO 3:

La frutta in GRUPPO #3 e’ frutta che e’ possibile di mangiare in tutto come figi, frutta del bosco  e la frutta e’ un simbolo della Torah.. vuol dire che la Torah e Il tutto di ebraismo.  Anche la Torah e’ “l’albero della vita,” e noi siamo come alberi…. Come e’ possibile da fare il bene per il mondo, per gl’altri … da fare mitzvoth il “prodotto” dell nostro albero personale?

ALZA IL PIATTO DELLE FRUTTE DAL GRUPPO #3 E DICA LA BENEDIZIONE:

Traslitterazione: Barukh atah Adonai Eloheinu Melekh ha’olam, bo’re p’ri ha’etz.

MANGIA LA FRUTTA

Il bicchiere #4 e il vino rosso di santificare il giorno:  Alza il bicchere e fa la benedizione. Dopo salute tutto “L’Chaim, Alla Vita”)

BEVE VINO e PRIMA DA MANGIARE FA BENEDIZIONE: Baruch ata Adonai, eloheinu melek ha’olam HA MOTAI LECHEM MIN HA’ARETZ.

SPIEGA LA FESTA O CANTA O LEGGA POESIA

UN ESEMPIO:

Non credo che vedrò mai

una poesia bella come un albero.

Un albero la cui bocca bramosa sia attaccata

al dolce seno fluente di madre Terra.

Un albero rivolto a Dio per tutto il giorno,

che innalza al cielo le sue frondose braccia

in segno di preghiera.

Un albero che in estate può indossare

un nido di pettirossi tra i capelli.

Sopra il cui cuore la neve si stende leggera,

che vive intimamente con le piogge.

Le poesie sono scritte dagli sciocchi come me,

ma solo Dio può creare un albero.

MANGIA INSIEME!!!

DOPO LA MIRENDA O CENA CANTA INSIEME: OSEH SHALOM, BENDIGAMOS, ECC

discutere modi per proteggere il pianeta terra dica a tutti Chag Sameach!! (SOTTO TROVA ATTIVITA’)

ALTRE ATTVITA`

Acquistare una piccola pianta e darla ad un amico.

Aquistare un nuovopianta per la casa o l’ufficio in onore del festival.

Mangia un frutto che non hai mai assaggiato prima.

Prepara una torta di frutta o la crostata e dai a un amico.

Dai un pacchetto di frutta a un senzatetto.

Pianta un albero nel tuo giardino.

Chag Sameach dalla Rabbina Barbara

0 Comments